PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

Storia del Pontificato

 

Storia del Pontificato

Papa Vittore  III

 

Fonte: Wikipedia

Vittore III, nato Dauferio (Benevento, 1027 - Monte Cassino, 16 settembre 1087), talvolta erroneamente chiamato Papa Vittorio III, fu Papa dal 1086 alla sua morte.

 

Figlio di Landolfo V, Principe di Benevento, nacque nel 1027; a tredici anni si diede alla vita monastica nel monastero di Monte Cassino, cambiando il suo nome da Dauferio a Desiderio. Divenne ben presto abate del monastero e nel 1059 Papa Niccolò II lo elevò al cardinalato.

Desiderio rese molti importanti servigi a Papa Gregorio VII, che di conseguenza sul suo letto di morte lo indicò ai cardinali dell'Italia meridionale come suo più degno successore. Venne eletto il 24 maggio 1086, ma mostrò una genuina riluttanza ad accettare l'impegnativo onore che gli era stato addossato, e dopo la sua tarda consacrazione, che non avvenne fino al 9 maggio 1087 col nome di Vittore III, si ritirò all'improvviso a Monte Cassino. La Contessa Matilde di Toscana poco dopo lo indusse a fare ritorno a Roma; ma, a causa della presenza dell'antipapa Clemente III (Guiberto di Ravenna), che aveva dei potenti sostenitori, vi rimase per poco. In agosto tenne a Benevento un sinodo di una certa importanza, nel quale Clemente III venne scomunicato, l'investitura laica vietata, e venne proclamata una specie di crociata contro i Saraceni in Africa. Durante il sinodo Vittore si ammalò, e si ritirò a Monte Cassino, dove morì il 16 settembre 1087. Il suo successore fu Urbano II.