PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

Storia del Pontificato

Storia del Pontificato

Papa Telesforo

Fonte: Wikipedia

Telesforo fu vescovo di Roma, e quindi Papa, all'incirca dal 126 al 137. Il suo pontificato iniziò durante il regno di Adriano, e finì durante il regno di Antonino Pio. Le tradizioni della messa di mezzanotte a Natale, della celebrazione della Pasqua di domenica, della settimana di Quaresima prima di Pasqua, e del canto del Gloria, vengono tipicamente attribuite al suo pontificato, ma alcuni storici dubitano che ciò sia corretto. Sant'Ireneo di Lione ci dice che Telesforo subì il martirio. Nella Martiriologia Romana la sua festa cade il 5 gennaio; la chiesa greca lo celebra il 22 febbraio. I Carmelitani venerano Telesforo come santo patrono dell'ordine poiché egli sostenne di aver vissuto come eremita sul Monte Carmelo.

Fonte: Santi e beati

Di origine greca o nativo della Magna Grecia; Ottavo papa, succedette a Sisto I nella sede di Roma e governò 11 anni, 3 mesi e 22 giorni, dal 125 al 136 d.C.

Non si conosce assolutamente nulla del suo pontificato, tuttavia le poche notizie, senza fondamento storico, ci vengono tramandate dal Liber Pontificalis vol. I, 129 secondo cui Telesforo istituì il digiuno quaresimale e l’introduzione delle tre Messe notturne di Natale con il canto del “Gloria in excelsis Deo”. Nel dare la serie dei primi papi, s. Ireneo asserisce nella sua nota opera Adversus haereses che Telesforo subì un ‘glorioso martirio’, affermazione ripetuta e confermata da Eusebio nella sua Historia ecclesiastica V, 6,4.

Morto a Roma, fu sepolto presso la tomba di s. Pietro in Vaticano.
Il Martirologio Romano e il Messale lo commemorano il 2 gennaio.
Una sua immagine si trova nella Cappella Sistina in Vaticano, dipinta nella cosiddetta Cerchia di Sandro Filipepi detto Botticelli.