PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e VeritÓ" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualitÓ
Canti
Adorazione on line

 

Storia del Pontificato

 

 

Storia del Pontificato

Papa Stefano VI (VII)

 

Fonte: Wikipedia

Stefano VI (morto nell'ottobre 897) fu Papa dal maggio 896 al luglio o agosto 897.

Secondo la tradizione, sarebbe stato di origine romana, e figlio di un prete di nome Giovanni. Fu nominato vescovo di Anagni da Papa Formoso, forse contro la sua volontÓ.

Le circostanze della sua elezione non sono chiare, ma venne sponsorizzato da una delle potenti famiglie romane, la Casa di Spoleto, che all'epoca era in competizione sia per il Papato che per l'Impero.

Nel gennaio dell'897, Stefano VI ordin˛ un processo per sacrilegio, chiamato poi "sinodo del cadavere" (synod horrenda): l'imputato fu infatti il cadavere del defunto Papa Formoso, predecessore di Stefano VI (prima di Bonifacio VI). 

Formoso era ritenuto colpevole di essere salito al soglio pontificio grazie all'appoggio del partito filogermanico, e senza rinunciare alla sua precedente sede vescovile di Porto (Ostia).

Probabili istigatori di Stefano furono i vecchi nemici di Formoso, Lamberto da Spoleto (Imperatore eletto) e sua madre Ageltruda, che avevano ristabilito il loro prestigio a Roma verso l'inizio del 897 abbandonando le loro altre pretese sui territori dell'Italia centrale. 

Il processo, con il conseguente strazio del cadavere, suscit˛ una rivolta popolare in tutta Roma. 

La rivolta si concluse con la cattura di Stefano, che venne imprigionato a Castel Sant'Angelo, e ucciso per strangolamento nell'estate dello stesso anno.

Del breve pontificato di Stefano VI si ricordano, oltre al synod horrenda, soltanto le forzate dimissioni di alcuni vescovi ordinati da Formoso e la concessione di speciali privilegi ad alcune chiese. 

Sul piano politico, Stefano fu coinvolto nel conflitto fra Lamberto da Spoleto e Arnolfo di Carinzia, entrambi pretendenti alla corona del Sacro Romano Impero, senza peraltro giocare un ruolo significativo.