PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

Storia del Pontificato

 

 

Storia del Pontificato

Papa Sergio II

Fonte: Wikipedia

Sergio II fu Papa dall'844 all'847. Romano e nobile di nascita, venne eletto per acclamazione da clero, popolo e nobiltà, per succedere a Papa Gregorio IV. Una fazione all'opposizione però scelse l'arcidiacono Giovanni. 

Le milizie riuscirono a fermare questi oppositori e Giovanni venne condannato a morte, pena che Sergio convertì in esilio. A causa di questi avvenimenti, Sergio venne consacrato senza attendere la sanzione dell'Imperatore Lotario II, che di conseguenza inviò suo figlio Lodovico, recentemente nominato Vicerè d'Italia, alla testa di un'armata, per punire la violazione della costituzione dell'824. Alla fine si giunse ad un accordo pacifico, e Luigi venne incoronato Re di Lombardia da Sergio, il quale si rifiutò comunque di prestare giuramento di fedeltà a Lodovico, sostenendo che poteva farlo solo in presenza di Lotario. Nell'agosto 846 i pirati Saraceni attaccarono Porto e Ostia, e saccheggiarono le chiese di San Pietro e San Paolo, poste fuori dalle mura di Roma. Sergio si dedicò a grandi ricostruzioni a Roma, affidandosi a mezzi in qualche modo dubbi di reperire il denaro. La simonia fiorì durante il suo regno. Alla sua morte gli successe Papa Leone IV.

 

Fonte: Cronologia

Romano, già arcibresbitero (nda: antica classe gerarchica paragonabile in qualche modo all' attuale arciprete) e cardinale della diocesi intitolata ai Ss Silvestro e Martino ai Monti, Sergio fu eletto alla fine di gennaio del 844. La sua consacrazione fu contratrastata dal diacono Giovanni il quale, forte del plauso popolare si impadronì del palazzo in Laterano insediandosi sul trono pontificio. La milizia della nobiltà organizzata fu però comandata ad intervenire : Sergio (non cambiò nome) fu scortato fino al palazzo pontificio, sbaragliati i piccoli tumulti di piazza ed abbandonato a se stesso, il diacono Giovanni fu incarcerato, successivamente condannato a morte, ed in fine fu invece esiliato per intercessione dello stesso pontefice.

Il tutto avvenne naturalmente senza l'autorizzazione dell' imperatore Lotario, anche perchè da ambo le parti stava regnando il caos più totale. La risposta di lotario non si fece attendere: Nella primavera del 845 inviò il figlio Ludovico, già re d'Italia a verificare la situazione. Ludovico accompagnato dall'arciprete e vescovo di Mertz arrivò fino ai pressi delle mura ma tramite quest'ultimo, accolto peraltro con tutti gli onori, fu fatto sapere che l'esercito avrebbe dovuto accamparsi fuori dalle mura stesse in prossimità dei Prati Neroniani. Ludovico fu accolto dal papa sulla gradinata di San Pietro e all' inno di " benedictus qui venit in nomine Domini" il re confermò la sudditanza religiosa al pontefice ed ai suoi rappresentanti di tutto il proprio regno, con il conseguente riconoscimento di re d' Italia e la sua consacrazione, avvenuta il 15 giugno dello stesso anno.

Successivamente, anche per continuare ad accativarsi le pur disfatte simpatie reali ed imperiali, Sergio II fu munifico nell'argire apostolati, cariche e prebende nepotistiche sia su di un versante che nel proprio. Tra le corruzioni ed i patti non rientrò però, la protezione di Roma. La prima incursione saracena avvenne i primi di agosto del 846 e penetrarono in Roma il 25 dello stesso mese appoggiati da una flotta di 75 navi armate con 10.000 uomini. La riva destra del Tevere comprese le basiliche di San Pietro e San Paolo furono letteralmente saccheggiate, mentre la riva sinistra protetta dal grosso della milizia papalina e dalle mura Aureliane riuscì a respingere l'attacco. Il potere temporale, in virtù del mancato riconoscimento della propria influenza su Roma caput mundi, non si mosse. Sergio II morì il 27 gennaio del 847, lasciando una città in preda alla carestia, alla miseria e all'abbandono più totale. Fu sepolto in San Pietro.