PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
 
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Schemi per l’adorazione eucaristica nel tempo di Avvento

Terzo schema

Il coraggio di accogliersi  

Introduzione  

Canto di esposizione  

Preghiera di adorazione  

 Rit. Gloria a te, Signore.

-Tu sei degno, o Signore e Dio nostro, di ricevere la gloria, l’onore e la potenza, perché Tu hai creato tutte le cose, e per la tua volontà furono create e sussistono, Rit.

-Tu sei degno di prendere il libro e di aprirne i sigilli, perché sei stato immolato e hai riscattato per Dio con il Tuo sangue uomini di ogni tribù, lingua, popolo e nazione, Rit.

-Tu sei degno di ricevere potenza, ricchezza, sapienza e forza, onore, gloria e benedizione, Rit.

-A Colui che siede sul trono lode, onore, gloria e potenza nei secoli dei secoli, Rit.  

Momento di silenzio  

Orazione

Signore e Salvatore nostro,

che da tutte le genti

chiami gli uomini a penitenza

perché siano riconciliati col Padre

nell’amore dello Spirito Santo,

ti preghiamo:

per l’Eucaristia, mistero di unità,

fa’ che diventiamo un cuor solo e un’anima sola,

e il mondo conosca te

che vivi e regni nei secoli dei secoli.

Amen.

1. Costui vi battezzerà in Spirito santo e fuoco….Che cosa dobbiamo fare?  

Ascolta la Parola

 

Dal Vangelo secondo Luca (3,10-14.16)

 

In quel tempo, le folle interrogavano Giovanni, dicendo: “Che cosa dobbiamo fare?”. Rispondeva: “Chi ha due tuniche, ne dia una a chi non ne ha; e chi ha da mangiare, faccia altrettanto”. Vennero anche dei pubblicani a farsi battezzare, e gli chiesero: “Maestro, che dobbiamo fare?”. Ed egli disse loro: “Non esigete nulla di più di quanto vi è stato fissato”. Lo interrogavano anche alcuni soldati; “E noi che dobbiamo fare?”. Rispose: “Non maltrattate e non estorcete niente a nessuno, contentatevi delle vostre paghe”.

Poi … Giovanni rispose a tutti dicendo: “Io vi battezzo con acqua; ma viene uno che è più forte di me, al quale io non son degno di sciogliere neppure il legaccio dei sandali: costui vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco…”.

 

Momento di silenzio  

Medita la Parola  

Dalla Costituzione “Gaudium et spes” del Concilio Vaticano II

L’attesa di una terra nuova non deve indebolire, bensì piuttosto stimolare la sollecitudine nel lavoro relativo alla terra presente. Infatti quei valori, quali la dignità dell’uomo, la comunione fraterna e la libertà, e cioè tutti i buoni frutti della natura e della nostra operosità, dopo che li avremo diffusi sulla terra nello Spirito del Signore e secondo il suo precetto, li ritroveremo poi di nuovo, ma purificati da ogni macchia, illuminati e trasfigurati, allorquando il Cristo rimetterà al Padre “il regno eterno ed universale: che è regno di verità e di vita, regno di santità e di grazia, regno di giustizia, di amore e di pace”.

Tutto ciò che di bene il popolo di Dio può offrire all’umana famiglia, nel tempo del suo pellegrinaggio terreno, scaturisce dal fatto che la Chiesa è “l’universale sacramento della salvezza” che svela e insieme realizza il mistero dell’amore di Dio verso l’uomo. Infatti il Verbo di Dio, per mezzo del quale tutto è stato creato, si è fatto egli stesso carne, per operare, lui, l’uomo perfetto, la salvezza di tutti e la ricapitolazione universale. Vivificati e radunati nel suo Spirito, come pellegrini andiamo incontro alla finale perfezione della storia umana. Dice il Signore stesso: «Ecco … Io sono l’alfa e l’omega, il primo e l’ultimo, il principio e il fine» (Ap 22,12-13).  

Prega la Parola  

Ad ogni invocazione ripetiamo: Vieni, Salvatore del mondo!

-Nel vivere la quotidianità della fede

-Nel promuovere e alimentare tra noi la speranza cristiana

-Nel progredire delle nostre comunità nella carità operosa

-Nel silenzio orante del nostro cammino

-Nel brusio di tante voci che ci rendono sordi alla tua Parola

-Nelle terre segnate dalla guerra e dalla violenza

-Nelle comunità segnate da discordie e rancori

-Nelle famiglie segnate dalla prova e dal dolore

-Nelle speranze dei piccoli e dei poveri

-Nei progetti degli adolescenti e dei giovani

-Nelle menti di chi ti cerca senza trovarti

-Nei cuori di chi ti ha abbandonato

-Nella vita di ciascuno di noi  

Mentre si offre l’incenso nel braciere l’assemblea canta

Misericordias Domini in aeternum cantabo  

2. E noi siamo testimoni di tutte le cose da Lui compiute…  

Ascolta la Parola

 

Dagli Atti degli Apostoli (10,34-48)

 

Pietro prese la parola e disse: “In verità sto rendendomi conto che Dio non fa preferenze di persone, ma chi lo teme e pratica la giustizia, a qualunque popolo appartenga, è a lui accetto. Questa è la parola che egli ha inviato ai figli d’Israele, recando la buona novella della pace, per mezzo di Gesù Cristo, che è il Signore di tutti. Voi conoscete ciò che è accaduto in tutta la Giudea, incominciando dalla Galilea, dopo il battesimo predicato da Giovanni; cioè come Dio consacrò in Spirito Santo e potenza Gesù di Nazaret, il quale passò beneficando e risanando tutti coloro che stavano sotto il potere del diavolo, perché Dio era con lui. E noi siamo testimoni di tutte le cose da lui compiute nella regione dei Giudei e in Gerusalemme. Essi lo uccisero appendendolo a una croce, ma Dio lo ha risuscitato al terzo giorno e volle che apparisse, non a tutto il popolo, ma a testimoni prescelti da Dio, a noi, che abbiamo mangiato e bevuto con lui dopo la sua risurrezione dai morti. E ci ha ordinato di annunziare al popolo e di attestare che egli è il giudice dei vivi e dei morti costituito da Dio. Tutti i profeti gli rendono questa testimonianza: chiunque crede in lui ottiene la remissione dei peccati per mezzo del suo nome”.

Pietro stava ancora dicendo queste cose, quando lo Spirito Santo scese sopra tutti coloro che ascoltavano il discorso. E i fedeli circoncisi, che erano venuti con Pietro, si meravigliavano che anche sopra i pagani si effondesse il dono dello Spirito Santo; li sentivano infatti parlare lingue e glorificare Dio. Allora Pietro disse: “Forse che si può proibire che siano battezzati con l’acqua questi che hanno ricevuto lo Spirito Santo al pari di noi?”. E ordinò che fossero battezzati nel nome di Gesù Cristo. Dopo tutto questo lo pregarono di fermarsi alcuni giorni. 

Momento di silenzio  

Medita la Parola  

Dal Sussidio “Lo Spirito Santo e noi”  

La volontà di salvezza di Dio supera ogni preclusione ed ogni esclusivismo. A Dio preme che il cuore della persona sia aperto alla ricerca di Lui in coerenza di vita. Gesù Cristo è il cuore dell’annuncio. Lo Spirito da la forza di condurre quel dialogo e li illumina sulla volontà di Dio. L’evangelo chiede spesso di fare questi “traslochi, abbandonando mondi e certezze consolidate per lasciarsi guidare dallo Spirito.  

Momento di silenzio  

Prega la Parola  

È veramente cosa buona e giusta renderti grazie

e innalzare a te l’inno di benedizione e di lode,

Dio onnipotente ed eterno, per Cristo nostro Signore.

Egli fu annunziato da tutti i profeti,

la Vergine Madre l’attese e lo portò in grembo

con ineffabile amore,

Giovanni proclamò la sua venuta

e lo indicò presente nel mondo.

Lo stesso Signore, che ci invita a preparare il suo Natale

ci trovi vigilanti nella preghiera, esultanti nella lode.  

Mentre si offre l’incenso nel braciere l’assemblea canta

Misericordias Domini in aeternum cantabo.  

Conclusione

 

Preghiera Litanica

Dio Padre, nostro creatore Kyrie, eleison

Dio Figlio, nostro redentore Kyrie, eleison

Dio Spirito, nostro santificatore Kyrie, eleison  

Sostieni la tua Chiesa, o Signore, popolo in cammino:

guidala al compimento del Regno ascoltaci, Signore            

Benedici il papa, pastore universale:

donagli forza di un’incessante evangelizzazione ascoltaci, Signore   

Accresci la fede di tutti i credenti, comunità di fratelli,

scoprano e realizzino la tua presenza nel mondo ascoltaci, Signore            

Risveglia carismi e ministeri nel tuo popolo, mistero di carità:

fa’ che ciascuno scopra il suo ruolo

nell’edificazione della Chiesa ascoltaci, Signore          

Donaci uomini e donne coraggiose, guide fraterne e sicure:

collaborino all’avvento della civiltà dell’amore ascoltaci, Signore         

Conforta i derelitti e i sofferenti, continuatori della passione:

dona loro la certezza della fecondità della croce ascoltaci, Signore        

Suscita un nuovo popolo di santi, lampade innalzate tra i fratelli:

rendili strumenti del tuo Spirito creatore ascoltaci, Signore         

Ricordati di tutti gli uomini che hanno il cuore arido,

assetati alla ricerca della sorgente:

rivelati nel loro desiderio ascoltaci, Signore            

Veglia su chi ci ha preceduto nella fede, grano seminato in terreni di speranza:

rendici tutti insieme raccolto festoso nel giorno della tua venuta ascoltaci, Signore  

Padre Nostro  

Orazione  

O Dio, che ci hai raccolti nella tua Chiesa

per vivere in comunione con Te e con i fratelli

e diventare testimoni e annunciatori del tuo amore,

fa’ che il tuo Santo Spirito rinnovi il nostro cuore

e ci renda fedeli servitori del tuo progetto di salvezza.

Per Cristo nostro Signore.

Amen.  

Benedizione eucaristica  

 

Canto di reposizione