PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
 
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Schemi per l’adorazione eucaristica nel tempo Ordinario

Primo schema

Canto

 

Preghiera

 

Raccoglimi, Signore, da tutte le distrazioni,

raccoglimi nel tuo amore.

Prendimi, Signore, da tutte le solitudini,

prendimi nel tuo amore.

Legami, Signore, con i miei fratelli e sorelle,

legami nel tuo amore.

Uniscimi, Signore, con la tua chiesa,

uniscimi nel tuo amore.

Più vicino di quanto lo sia io a me stesso

sei tu, tu in me.

Attirami, Signore, dentro di me.

Raccoglimi nella tua profondità.

Non lasciarmi andar via da me,

perché trovi te in me e me in te.

 

Preghiera:

 

O Gesù Maestro, ti adoro,

ti lodo, ti ringrazio.

Dammi la tua luce per conoscere te

e per conoscere me.

La tua sapienza è infinita,

tu mi hai dato la luce degli occhi,

la luce dell’intelligenza e la luce della fede.

Illuminami! Io confido in te.

 

Prima Lettura: Gn. 1, 26-29

 

Salmo 138

 

Signore, tu mi scruti e mi conosci;

mi siedo o mi alzo e tu lo sai.

Da lontano conosci i miei progetti:

ti accorgi se cammino o se i fermo,

ti è noto ogni mio passo.

 

Non ho ancora aperto bocca

e già sai quel che voglio dire.

Mi sei alle spalle, mi stai di fronte;

metti la mano su di me!

 

E’ stupenda per me la tua conoscenza;

è al di là di ogni mia comprensione.

Come andare lontano da te,

come sfuggire al tuo sguardo?

 

Salgo in cielo, e tu sei là;

scendo nel mondo dei morti, e là ti trovo.

Prendo il volo verso l’aurora

O mi poso all’altro estremo del mare:

anche là mi guida la tua mano,

là mi afferra la tua destra.

 

Dico alle tenebre: “Fatemi sparire”,

e alla luce intorno a me: “Diventa notte”;

ma nemmeno le tenebre per te sono oscure

e la notte è chiara come il giorno:

tenebre e luce per te sono uguali.

 

Tu mi hai plasmato il cuore,

mi hai tessuto nel seno di mia madre.

Ti lodo, Signore: mi hai fatto

come un prodigio.

 

Lo riconosco: prodigiose sono le tue opere,

il mio corpo per te non aveva segreti

quando tu mi formavi di nascosto

e mi ricamavi nel seno della terra.

 

Non ero ancora nato e già mi vedevi.

nel tuo libro erano scritti i miei giorni,

fissati ancor prima di esistere.

Come sono profondi per me i tuoi pensieri!

 

Quanto è grande il loro numero, o Dio!

Li conto: sono più della sabbia!

Al mio risveglio mi trovo ancora con te.

 

Canto

 

Seconda Lettura: Sap. 9, 1-6.10-12a

 

Cantico:  Cfr Col. 1, 3.12-20

 

Ringrazio con gioia Dio

Padre del Signore nostro Gesù Cristo,

perché ci ha messi in grado di partecipare

alla sorte dei santi nella luce,

 

ci ha liberati dal potere delle tenebre,

ci ha trasferiti nel regno del suo Figlio diletto,

per opera del quale abbiamo la redenzione,

la remissione dei peccati.

 

Cristo è immagine del Dio invisibile,

generato prima di ogni creatura;

è prima di tutte le cose

e tutte in lui sussistono.

 

Tutte le cose sono state create per mezzo di lui

ed in vista di lui:

quelle nei cieli e quelle sulla terra,

quelle visibili e quelle invisibili.

 

Egli è il capo del corpo, che è la Chiesa ;

è il principio di tutto.

Il primogenito di coloro che risuscitano dai morti,

per ottenere il primato su tutte le cose.

 

Piacque a Dio di far abitare in lui ogni pienezza,

per mezzo di lui riconciliare a se tutte le cose,

rappacificare con il sangue della sua croce

gli esseri della terra e quelli del cielo.

 

Gloria…

 

Terza Lettura: Rm. 8, 14-18

 

Preghiera:

 

L’Eucaristia è comunione di Cristo con il Padre:

primogenito dei risorti, per mezzo dello Spirito,

Cristo si offre come sacrificio per la nostra salvezza.

Tutta la sua vita è presente in questa offerta.

 

L’Eucaristia è comunione di Cristo con noi:

associati al suo gesto di totale oblazione,

diventiamo con lui vittima gradita a Dio.

La comunione con lui è la via che conduce al Padre.

 

L’Eucaristia è il massimo sacramento ecclesiale:

dall’Eucaristia la Chiesa nasce come comunità nuova.

Ha per legge il nuovo precetto di amare

e trova in Cristo il suo modello di comunione.

 

L’Eucaristia è amore che diventa missione:

consumando il sangue sparso per la remissione dei peccati,

la Chiesa si offre con Cristo per la vita del mondo,

luce e segno di comunione universale.

 

Canto

 

Vangelo: Mt. 16, 13-20

 

Preghiamo insieme:

 

Signore, aiutaci a vivere sempre in rendimento di grazie.

Fa che celebriamo l’Eucaristia con il cuore puro,

con l’animo preparato,

in piena obbedienza a quanto Gesù ci ha comandato

e la Chiesa ci insegna.

 

Fa che l’Eucaristia sia il centro, il modello

e la forza plasmatrice di tutta la nostra vita.

Suscita sempre nella chiesa i tuoi ministri

che presiedano con umiltà e verità

la celebrazione eucaristica

e servano nella carità tutti i fratelli.

 

Dona ad ogni credente, ad ogni famiglia,

ad ogni gruppo, ad ogni comunità,

secondo la vocazione e la missione da te ricevuta,

di trovare nell’Eucaristia la regola, il modello

e l’alimento della vita cristiana di ogni giorno.

 

Fa che l’Eucaristia

eserciti un fascino segreto e irresistibile

sull’uomo di oggi,

anche su chi è distratto e dissipato,

chiuso nell’egoismo, stroncato dalla disperazione.

 

S: Lasciamo scaturire ora, dal profondo del nostro essere e dallo Spirito che lo abita la lode, il rendimento di grazie al Padre per la creazione, per tutti i doni che continuamente ci elargisce, per la redenzione che ha operato nel suo Figlio Gesù e per il germe di vita e di resurrezione presente e in azione in noi e nell’universo intero.

 

Padre nostro

 

Canto