PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
 
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Schemi per l’adorazione eucaristica nel tempo Ordinario

Decimo schema

Canto

 

S: Entriamo nel silenzio profondo del nostro essere, facendo tacere i nostri ragionamenti e le nostre rivendicazioni, e adoriamo la Trinità Santissima presente nell’Eucaristia.

 

Salmo 145

 

Ti esalto, o mio Dio e Padre,

e benedico il tuo nome,

in eterno e per sempre.

 

Grande sei, Signore, degno di ogni lode,

insondabile è la tua grandezza.

Di generazione in generazione

narrino le tue opere

e annunzino le tue meraviglie.

 

Divulghino il ricordo della tua grande bontà,

celebrino con giubilo la tua giustizia.

Paziente e misericordioso sei tu, Signore,

lento all’ira e grande in misericordia.

 

Buono sei, o Padre, verso tutti,

verso tutte le tue opere è la tua tenerezza.

Fedele sei tu, Signore,

in tutte le tue promesse,

santo in tutte le tue opere.

 

Tu sostieni quelli che vacillano,

rialzi quanti sono caduti.

A te sono rivolti in attesa gli occhi di tutti,

e tu dai loro il cibo a tempo opportuno.

 

Tu apri la tua mano

e sazi a volontà ogni vivente.

Sei vicino a quanti ti invocano,

a tutti quelli che ti invocano con sincerità.

 

Dica la mia bocca la lode del Signore,

ogni vivente benedica il suo nome santo,

in eterno e per sempre!

 

Preghiamo:

 

O Padre, che da ogni parte della terra hai riunito i popoli per lodare il tuo nome, concedi che tutti i tuoi figli, nati a nuova vita nelle acque del Battesimo e animati dall’unica fede, esprimano nelle opere l’unico amore. Per il nostro Signore.

 

Prima Lettura: Is. 4, 2 – 6

 

Salmo 119 (V° - VI°)

 

Indicami, Signore, la via dei tuoi decreti

e la seguirò sino alla fine.

Dammi intelligenza, perché io osservi la tua legge

e la custodisca con tutto il cuore.

 

Dirigimi sul sentiero dei tuoi comandi,

perché in esso è la mia gioia.

Piega il mio cuore verso i tuoi insegnamenti

e non verso la sete del guadagno.

 

Distogli i miei occhi dalle cose vane,

fammi vivere la tua via.

Con il tuo servo sii fedele alla parola

che hai data, perché ti si tema.

 

Allontana l’insulto che mi sgomenta,

poiché i tuoi giudizi sono buoni.

Ecco, desidero i tuoi comandamenti;

per la tua giustizia fammi vivere.

 

Venga a me, Signore, la tua grazia,

la tua salvezza secondo la tua promessa;

a chi mi insulta darò una risposta,

perché ho fiducia nella tua parola.

 

Non togliere mai dalla mia bocca la tua parola vera,

perché confido nei tuoi giudizi.

Custodirò la tua legge per sempre,

nei secoli, in eterno.

 

Sarò sicuro nel mio cammino,

perché ho ricercato i tuoi voleri.

Davanti ai re parlerò della tua alleanza

senza temere la vergogna.

 

Gioirò per i tuoi comandi

che ho amati.

Alzerò le mani ai tuoi precetti che amo,

mediterò le tue leggi.

 

Canto

 

Seconda Lettura: At. 2, 42 – 3, 10

 

Salmo 112

 

Beato l’uomo che teme il Signore

e trova grande gioia nei suoi comandamenti.

Potente sulla terra sarà la sua stirpe,

la discendenza dei giusti sarà benedetta.

 

Onore e ricchezza nella sua casa,

la sua giustizia rimane per sempre.

Spunta nelle tenebre come luce per i giusti,

buono, misericordioso e giusto.

 

Felice l’uomo pietoso che dà in prestito,

amministra i suoi beni con giustizia.

Egli non vacillerà in eterno:

il giusto sarà sempre ricordato.

 

Non temerà annunzio di sventura,

saldo è il suo cuore, confida nel Signore.

Sicuro è il suo cuore, non teme,

finché trionferà dei suoi nemici.

 

Egli dona largamente ai poveri,

la sua giustizia rimane per sempre,

la sua potenza s’innalza nella gloria.

 

L’empio vede e si adira,

digrigna i denti e si consuma.

Ma il desiderio degli empi fallisce.

 

 

Canto

 

Vangelo: Lc. 24, 35 – 48

 

Preghiere:

 

Perché i cristiani, anche nelle situazioni difficili e complesse dell’odierna società, non si stanchino di proclamare con la loro vita che la risurrezione di Cristo è sorgente di speranza e di pace.

 

Perché i futuri presbiteri delle giovani Chiese siano sempre più formati culturalmente e spiritualmente per evangelizzare le loro nazioni e tutto il mondo.

 

Perché, di fronte alle difficoltà che i giovani incontrano nel progettare il futuro, gli adulti sentano la responsabilità di trasmettere e testimoniare uno stile di vita che sostenga il desiderio delle nuove generazioni di costruire la civiltà dell’amore.

 

Preghiera finale:

 

Dio onnipotente ed eterno, che ci dai il privilegio di chiamarti Padre, fa crescere in noi lo spirito di figli adottivi, perché possiamo entrare nell’eredità che ci hai promesso. Per Cristo nostro Signore.

 

Amen

 

Padre nostro

 

Canto