PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

SANTO ROSARIO 

IN VERSI

 

IL SANTO ROSARIO

Misteri della gioia

Misteri della luce

Misteri del dolore

Misteri della gloria

 

Rosarium Virginis Mariae

Storia del Santo Rosario

 Santo Rosario in versi

"Faville nel Roseto"

di Stella Lomonaco Giugni

 

LITANIE  

 

SALVE REGINA

 

A Te, la Regina del Cielo,

elevo per tutti il mio canto.

 

Per quelli che irridono a scempio

del vero e del bene la fede,

invoco Tuo santo perdono.

 

Per tanti ch’in lingua blasfema

T’abbassan a lancio d’abisso,

con cupe saette d’inferno,

che frecciano a sangue il mio cuore,

Ti porgo mia lode con gemme

di tutta la luce dell’anima.

 

Per molti che increduli e vuoti

van dietro l’effimero e il male

legati dal passo dell’ora,

Ti dono con sacro fervore

fermezza a restarTi vicina.

 

Per quelli che tratti d’inciampo

ritornano al fallo e ricadono

sprezzanti il richiamo Tuo pronto,

T’abbraccio piegata ai Tuoi piedi.

 

Per tanti che soffrono invano

con voci ribelli alla fede,

ritesso ghirlande posate

da tante mie lacrime scese

nel caldo d’offerta e dolore.

 

Per quelli che tiepidi e assisi

la fede rinfrangono all’agio,

attratti dal mondo e delusi

nel chiuso del gretto volere,

effondo perenne mio amore.

 

Con tanti che T’amano lieti

seguendoTi alati di fede

mirandoti eccelsa a modello

d’eventi, d’affetto e di vita,

io povera T’amo e T’abbraccio,

per sempre legata al tuo seguito.

 

E T’offro con l’albe che inondano

d’immenso il mattino e lo sguardo

pur l’ombre che spandono intorno

la fervida quiete al richiamo.

 

Inquadran mio tempo filato

tra palpiti d’animo al bene

silente tra l’opera e prece.

 

Lo pongo su spreco degli anni

da molti nel grigio d’ignavia,

da tanti nel cupo dei falli.

 

Ci segua il Tuo sguardo materno

così che all’incontro immortale

sia guida al Tuo Figlio Divino.

 

Indietro