PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

SANTO ROSARIO 

IN VERSI

 

IL SANTO ROSARIO

Misteri della gioia

Misteri della luce

Misteri del dolore

Misteri della gloria

 

Rosarium Virginis Mariae

Storia del Santo Rosario

 Santo Rosario in versi

"Faville nel Roseto"

di Stella Lomonaco Giugni

 

LITANIE  

 

REGINA SACRATISSIMI ROSARII

 

L’ascolto divino con Angeli e Santi,

incline sui grani segnanti fervore,

sta presso gli oranti.

 

E’ guida all’ascesa la veglia di luce,

che posa benefica

rugiada di Cielo.

 

La lode invocante solenne del Pater,

che serba calore di labbra divine,

s’eleva a colonna d’azzurro alla via

svanente all’etereo.

 

Più volte il messaggio

angelico eterno,

che arrise ai millenni,

che all’arido umano rifece speranze,

carezza nell’Ave

il fervido orare.

 

Il Cielo e la prece, l’offerta e l’amore,

convito di luce coi secoli attenti,

fragranza di petali eterni di gloria,

s’annodano lieti.

 

S’inverano gli echi d’eventi divini

mirabili, immensi

e pulsano all’animo e fede ravvivano

ne’ sacri misteri.

 

Mio santo Rosario, mia dolce preghiera,

la prima che appresi da labbra materne,

anello d’unione col babbo alla guida,

la luce al mio nido coi figli e lo sposo,

mia pace sarai

sull’ultima speme.

 

Mio sacro Rosario, mio fiore sull’ora,

compagno sui passi,

mio dolce conforto su tanti dolori,

mia calma sovrana, mio santo vigore,

per Te è sempre pronto l’abbraccio dell’animo.

 

Patisco a sentirti sdegnato dal mondo

e posto nel vieto, chè il tempo presente

tra vani fragori, su futili strade

inquieto s’aggira.

 

Mia sacra corona, mio caro monile,

il solo rimasto sul passo mio stanco,

rivesti di luce l’offerta dei canti

che dicono al Cielo con povera voce

mio amato Rosario.

 

E Tu mia Regina, che avesti sorriso

a rose che offrivo con mano d’infante

e cuore innocente,

accogli le rose dei poveri canti

sorgivi da fede e d’amore costante

del cuore contrito.

 

Indietro      Avanti