PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

SANTO ROSARIO 

IN VERSI

 

IL SANTO ROSARIO

Misteri della gioia

Misteri della luce

Misteri del dolore

Misteri della gloria

 

Rosarium Virginis Mariae

Storia del Santo Rosario

 Santo Rosario in versi

"Faville nel Roseto"

di Stella Lomonaco Giugni

 

 

MISTERI DOLOROSI  

 

PENA E TENEBRE

 

In luce diffusa la buona novella,

donato se stesso Eucaristico all’uomo,

sol tenne per Sé, Maestro e Signore,

passione amarissima, lo strazio e la morte.

 

Nell’ore volgenti, tristissima sera,

del sole non c’era la benda di luce

per tergere il sangue,

né fiaccola d’oro di giorno calante,

sollievo pietoso all’amore tradito.

 

Gesù col suo pianto,

sol Egli e il suo amore

fu solo a penare.

 

De’ cieli fulgenti bellezza infinita,

potenza divina, sapienza increata,

presenti e velate

nell’Uomo penante,

lasciarono al brivido il morso de’ falli

d’ognuno e di tutti, passati e venturi.

 

Sol era per veglia richiesta alla pena

il sonno profondo vicino de’ suoi,

e triste nell’ombra serotina e calma,

silenzio d’ulivi dell’orto in sopore.

 

Sgomento, disgusto, terrore, amarezza,

pulsarono al cuore.

 

Dell’Uomo quel cuore non resse al dolore

e pianse nell’animo in piena l’affanno

e piansero sangue le vene strizzate.

 

Le vesti si tinsero,

la terra si schiuse alle gemme del Cielo,

il tempo si cinse di perle divine,

la pena recinse quel sangue plorante,

il cielo lo colse, la terra lo bevve.

 

Un angelo accorse con luce allo spasimo

e chino raccolse l’offerta divina,

l’aggiunse a quel soffio che al nulla fu vita,

lo pose col “fiat” dell’umile Ancella,

a doni per l’uomo

d’attesa del Cielo.

 

Intanto che i varchi pe’ buoni redenti

lucevan di grazia,

la trama dell’odio forgiava supplizio

e morte a Gesù.

 

Raggiere di luce, che a slancio dall’orto

ricercano al buio l’umano soffrire,

si tendono e chiamano.

 

E l’Angelo aleggia

a coglier la fede coi buoni voleri

e porgere a dono sul pianto vermiglio

lo scambio d’amore, il duolo contrito,

il grazie infinito all’affranto Gesù.

 Indietro   Avanti