PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

SANTO ROSARIO 

IN VERSI

 

IL SANTO ROSARIO

Misteri della gioia

Misteri della luce

Misteri del dolore

Misteri della gloria

 

Rosarium Virginis Mariae

Storia del Santo Rosario

 Santo Rosario in versi

"Faville nel Roseto"

di Stella Lomonaco Giugni

 

MISTERI GLORIOSI  

 

LA CORONAZIONE DI MARIA IN CIELO E LA GLORIA DI TUTTI I SANTI

 

Assunta nel Cielo

la prima de’ Santi, la prima dell’uomo,

la Figlia del Padre, la Madre del Figlio,

la Sposa divina del Sommo Paraclito,

l’augusto mistero vincente i millenni,

l’Ancella vivente d’immensa grandezza,

la Vergine e Madre,

osannano gli Angeli.

 

Con Lei nella gloria rifulse nel Cielo

l’umana natura rifatta di luce.

 

Per Lei si diffuse per tutte le plaghe

di terra e di cielo,

sorriso di bene a baciar l’universo.

 

Da Lei ebbe inizio letizia soave

di grazie e bontà.

 

Regina è nel canto, Sovrana sugl’inni,

che in Cielo e dovunque echeggiano lieti.

 

La supplice augusta del Sommo Potere,

il mistico udire di slanci e preghiere,

la luce che infiamma silente e vitale,

la mano che il Cielo protende sull’uomo,

così sopra i secoli, così sopra gli animi

si asside Regina.

 

Si pensa a corona di segno regale,

e incontra la fede

la festa trionfante dell’alto diadema,

per Lei la Regina.

 

Fu vista all’annunzio con dodici stelle,

e colma di grazia, di trionfo e di gloria

impera e sorride,

celeste e materna.

 

La grazia, sapienza, bellezza, umiltà,

potenza e bontà,

sui limiti massimi,

di vette sfioranti

il palpito umano,

rifulgon sui fiumi di gloria immortale.

 

Qui tace favella, qui s’ala il pensiero

offrendo il tributo di sudditi e figli,

qui pone preghiera la voce non sola.

 

Ridonda la luce, chè s’anima il volo

d’incontro coi Santi nell’estasi eterna.

 

Che fanno rapiti fulgenti di gloria

avvolti in  mistero del Bene superno?

 

L’amore che annoda,

che canta ed incanta

li regge, li unisce, li colma, li avvince

al Sommo Divino.

 

Passati nel vaglio d’umano respiro

col passo alla terra, col Cielo nel cuore

ascesero al Cielo da vari cammini.

 

Ognuno dei Santi è un inno del bene,

che vinse e rivinse le lotte col male,

ognuno è la voce di veglia alla vita

recata nel Cielo.

 

A Te, mia Signora,

l’offerta del canto con tutto il mio amore.

 

          Indietro   Avanti