PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

SANTO ROSARIO 

IN VERSI

 

IL SANTO ROSARIO

Misteri della gioia

Misteri della luce

Misteri del dolore

Misteri della gloria

 

Rosarium Virginis Mariae

Storia del Santo Rosario

 Santo Rosario in versi

"Faville nel Roseto"

di Stella Lomonaco Giugni

 

 

MISTERI GAUDIOSI  

 

AL TEMPIO

 

Il nome di Gesù in vel d’attesa

su vette della luce era fiorito,

e cielo e terra proni alla discesa

speravan beatitudine infinita.

 

Gesù, si ripetea la Mamma Santa

nella dolcezza del materno dire,

e Giuseppe con l’estasi ch’incanta,

Gesù, diceva, in umile suo ardire.

 

Come la legge allora prescriveva,

il Pargolo nel Tempio fu portato

e Lui, che il mondo riscattar doveva,

fu con due tortorelle riscattato.

 

Se gli angeli allor tacquero col sole,

parlò invece del vegliardo il cuore,

che dettò le profetiche parole

nell’ispirato canto del suo amore.

 

 “Signore, lascia che il Tuo servo

 se ne vada in pace,

 secondo la Tua promessa.

 Perché gli occhi miei

 hanno veduto la Tua salvezza,

 che Tu hai preparata al cospetto

 di tutti i popoli...

 ........................

 a Te stessa una spada

 trapasserà l’anima…” (Luca II)

 

Fu lieto e triste ai genitori santi

quell’inno con lo strazio rivelato,

la Vergine previde i tempi affranti

e Giuseppe il dolore a Lui velato.

 

Ritornarono ancora sul cammino,

che all’uomo fu propizio d’ogni bene,

e la cura del Pargolo Divino

fu d’amore soave e gioie e pene.

 

Al tempio immenso, augusto del creato,

ov’è presente e provvido il Signore,

che ogni attimo raccolga il bene alato

di fede che santifica l’amore.

 

 

Indietro   Avanti