PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

Storia del Pontificato

 

 

Storia del Pontificato

Papa Romano

 

Fonte: Cronologia

Nato nella val tiberina, anch' egli dunque proveniente dal florido centro agricolo di Gallese, fu ordinato cardinale dal suo predecessore Stefano VI , nell'intento di costruirsi un minimo di consenso clericale.

Romano fu eletto nell'agosto dell'anno 897, probabilmente con l'appoggio della nobiltà ancora fedele alla discendenza imperiale carolingia filo-germanica. Comunque, l' esasperazione dell' enfiteusi sui diritti di proprietà stava nuovamente intaccando le fondamenta della Chiesa.

L'ondivagare del clero su questioni che attenevano più alla "cassa" piuttosto che non al patibolo delle anime segnò pertanto un periodo piuttosto oscuro dei pontificati italici.

Romano, sicuramente non sottratto a questo gran fervore, riabilitò Formoso suo antesignano predecessore, condannando il piccolissimo operato di Stefano VI.

La leggenda vuole che Romano non sia deceduto sul proprio soglio, ma sia stato piuttosto deposto e segregato in qualche carcere o convento... tant'è che non esiste memoria alcuna nè scritta, nè orale dove possano essere state seppellite le sue spoglie.

Così come non è certa la fine del suo pontificato attribuita intorno al novembre dello stesso anno.

Le considerazioni storiche su questo periodo furono e sono le più disparate: da una parte il clero che ancora intendeva difendere l'operato assoluto dei propri precursori più nefasti , dall' altra quella laica ma non per questo intransigente che attribuì come attribuisce la totale responsabilità allo stesso clero manicheista di essersi prostituito "pur la grandeur de la magnificience " di se stessi medesimi.