PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
 
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

 

 

 

 

 

A tu per Tu

Quindici minuti con Gesù  

Prima pagina - Seconda Pagina - Terza Pagina

E POI… NON HAI QUALCHE PROMESSA DA FARMI?

Già lo sai che leggo nel fondo del tuo cuore. Gli umani si ingannano facilmente. Dio no. Parlami allora con sincerità. Hai il fermo proposito di non esporti più a quella occasione di peccato? Di privarti di quel giornale, rivista, film, programma televisivo che danneggia la tua anima? Di non leggere quel libro che ha eccitato la tua immaginazione? Di non trattare con quella persona che ha turbato la pace della tua anima? Di stare in silenzio quando senti che arriva la collera?

Perché “gli imprudenti dicono quello che sentono dentro di sé quando sono di malumore, ma i prudenti rimangono sempre in silenzio quando sono di malumore, e sanno dissimulare le offese ricevute”.

Vuoi fare il buon proposito di non parlare male di nessuno, anche quando credi che quel che dici è la verità? Di non lamentarti perché è dura la vita? Di offrirmi le tue sofferenze in silenzio invece di andare in giro rinnegando le tue pene? Di lasciare ogni giorno un piccolo spazio per leggere qualcosa che ti sia di profitto, specialmente la Bibbia? Così diranno anche di te: “Ascolta la parola di Dio e la mette in pratica, sarà come una casa costruita sulla roccia, non crollerà”. 

Sarai ancora amabile con le persone che ti hanno trattato male? Avrai d’ora in poi un volto allegro ed un sorriso amabile? Anche con quelli che non hanno molta simpatia per te?

Ricorda le mie parole: “Se saluti solo quelli che ti amano, che merito ne hai? Anche i cattivi fanno così. Perdona e sarai perdonato. Un volto amabile rallegra i cuori degli altri”.  

E ADESSO RITORNA ALLE TUE OCCUPAZIONI…

Ma non dimenticare questi quindici minuti di gradevole conversazione che abbiamo avuto qui nella solitudine.

Conserva più che puoi il silenzio, la modestia e la carità con il prossimo.

Ama mia Madre, che è anche madre tua.

Ricorda che essere buon devoto alla Vergine Maria è segno di sicura salvezza.

 

CONSOLARE GESÙ

Il fine di tutto il cammino della vita spirituale è giungere all’intimità profonda con Gesù e condividere con lui le gioie e i dolori che egli prova.

Gesù ha bisogno di consolatori, ma ne trova pochi. Consolare Gesù è il modo più raffinato di amarlo. Alla fine di tutto che cosa conta veramente? Non sono le grandi opere che posso fare, gli atti di eroismo che posso realizzare per tanti poveri bisognosi, ma consolare Gesù.

È lui il centro di tutta la vita della Chiesa.

Quando amo Gesù e lo consolo, sono già in tutte le parti del mondo, sono già al letto dei morenti, nelle carceri, nei lebbrosari, a consolare i moribondi, ad alleviare le sofferenze del purgatorio.

Perché se è vero che dove c’è uno che soffre là c’è Gesù, è anche altrettanto vero che consolare Gesù è già sconfiggere la tristezza del mondo. Vocazione questa molto difficile da capire e vivere: occorre aver raggiunto un alto grado di santità.  

GESÙ AD ALEXANDRINA MARIA DA COSTA

Non hai compassione di me? Sono nei tabernacoli tutto solo. Tanto schernito, abbandonato e tanto offeso… Va’ a consolarmi ed a riparare: ripara tanto abbandono. Visitare i carcerati e consolarli è opera buona. Io sono carcerato per amore. Io sono il carcerato dei carcerati.  

PREGHIERA

Dolce Madre di Gesù, tu sei la prima Adoratrice di lui e della Santissima Trinità.

Tu sei la madre dell’Adorazione, la madre di tutte le anime adoratrici, la madre mia.

Sotto la tua protezione metto la mia vita. Con immensa riconoscenza ti ringrazio perché mi apri gli occhi per contemplare colui che si immola sul santo altare e mi apre la via dell’adorazione eucaristica. Mi conduci sempre al cospetto del tuo Figlio nel tabernacolo.

Custodisci l’anima mia e santifica la mia vocazione adoratrice, per la gloria del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen