PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

Storia del Pontificato

 

Storia del Pontificato

Papa Niccolò  III

 

Fonte: Wikipedia

Niccolò III, o anche Nicola III, nato Giovanni Gaetano Orsini (Roma, ca. 1216 - Soriano nel Cimino, 22 agosto 1280), fu Papa dal 1277 alla sua morte.

Era un nobile romano della famiglia Orsini che aveva servito sotto otto Papi. Fu reso cardinale-diacono di San Nicola in carcere Tulliano da Papa Innocenzo IV, protettore dell'Ordine Francescano da Papa Alessandro IV e inquisitore generale da Papa Urbano IV. Successe a Papa Giovanni XXI, in gran parte grazie all'influenza della sua famiglia, dopo un periodo di sei mesi in cui la Santa Sede era rimasta vacante.

Il suo breve pontificato venne segnato da diversi eventi importanti. Politico nato, rafforzò notevolmente la posizione del Papa in Italia. Concluse un concordato con Rodolfo I d'Asburgo, nel maggio 1278, con il quale la Romagna e l'Esarcato di Ravenna venivano concessi al Papa; mentre in luglio emanò una costituzione per il governo di Roma che avrebbe fatto epoca, la quale vietava agli stranieri di assumere incarichi civili. Niccolò III pubblicò la bolla Exiit qui seminat il 14 agosto 1279, per appianare la contesa interna ai Francescani tra le fazioni di osservanza stretta e lasca.

Fece riparare il palazzo del Laterano e il Vaticano ad un prezzo enorme, e fece erigere una bella residenza di campagna a Soriano, nei pressi di Viterbo. Papa Niccolò, benché uomo di studio e dal carattere forte, si attirò dei rimproveri per i suoi sforzi nel cercare principati per i suoi nipoti e altri parenti. Morì per un colpo apoplettico.

Dante, nell'Inferno, colloca Niccolò III nella terza bolgia dell'ottavo girone infernale, riservata ai simoniaci.