PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

Storia del Pontificato

 

Storia del Pontificato

Papa Niccolò  IV

 

Fonte: Wikipedia

Niccolò IV, o anche Nicola IV, nato Girolamo Masci - anche se non si è del tutto sicuri circa il nome della sua famiglia - (Ascoli Piceno, 30 settembre 1227 - Roma, 4 aprile 1292), fu Papa dal 1288 alla sua morte.

Nativo di Ascoli e frate dell'ordine Francescano, era stato legato pontificio in Grecia sotto Papa Gregorio X nel 1272. Successe a san Bonaventura come generale del suo ordine nel 1274, già il 12 marzo 1278 veniva nominato cardinale-prete di Santa Pudenziana e Patriarca latino di Costantinopoli da papa Niccolò III, poi cardinale-vescovo di Palestrina da papa Martino IV. Successe a papa Onorio IV come vescovo di Roma, dopo un periodo di 10 mesi in cui la sede pontificia era rimasta vacante.

Fu un frate pio e amante della pace, senza altre ambizioni se non il bene della Chiesa, le crociate e l'estirpazione dell'eresia. Intraprese una via equidistante dalle varie fazioni romane e cercò una risoluzione della questione siciliana. Nel maggio 1289 incoronò Re Carlo II di Napoli e Sicilia, dopo che questi aveva riconosciuto espressamente la sovranità papale, e nel febbraio del 1291 concluse un trattato con Alfonso III d'Aragona e Filippo IV di Francia che puntava all'espulsione di Giacomo II d'Aragona dalla Sicilia. La perdita di Tolemaide nel 1291, provocò il rinnovato entusiasmo del Papa per una Crociata. Nicola inviò dei missionari, tra cui il famoso francescano Giovanni di Monte Corvino, ad operare tra i Bulgari, i Tatari e i Cinesi.

Niccolò IV emise un'importante costituzione il 18 luglio 1289, che garantiva ai cardinali la metà di tutte le entrate della sede di Roma, nonché una fetta della gestione finanziaria, spianando la strada a quell'indipendenza del collegio dei cardinali che, nel secolo successivo, sarebbe tornata a svantaggio del papato stesso.

Niccolò morì nel palazzo che aveva fatto costruire a fianco di Santa Maria Maggiore, il 4 aprile 1292. Dopo la sua morte, la sede papale restò vacante per due anni.