PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

Alla scuola di Maria

IL SANTO ROSARIO

Misteri della gioia

Misteri della luce

Misteri del dolore

Misteri della gloria

 

SANTO ROSARIO 

IN VERSI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alla scuola di Maria

Il Santo Rosario

I Misteri del dolore

 

Nel primo mistero del dolore si contempla l'agonia di Gesù nell’orto degli ulivi

"Gesù cominciò a provare tristezza e angoscia… e pregava dicendo: "Padre mio, se è possibile, passi da me questo calice! Però non come voglio io, ma come vuoi tu" (Mt 26,38-39)

Nella preghiera di abbandono al Padre, Gesù ritrova forza e fiducia. Chiediamo di abbandonarci con piena fiducia a Dio per adempiere sempre la sua volontà.

Pausa

Padre nostro, 10 Ave Maria, Gloria al Padre

Gesù mio, perdona le nostre colpe, preservaci dal fuoco dell'inferno, porta in cielo tutte le anime, specialmente le più bisognose della tua misericordia.

 

Nel secondo mistero del dolore si contempla la  flagellazione di Gesù alla colonna

"E Pilato, volendo dar soddisfazione alla folla, rilasciò loro Barabba e, dopo aver fatto flagellare Gesù, lo consegnò ai soldati, perché fosse crocifisso". (Mc 15,15)

Quanto sangue sgorga a terra, mentre i flagellatori ridono, lo insultano, prendono forza per colpire il corpo innocente di Gesù. Chiediamo il dono della pazienza per accettare tutte le umiliazioni, pensando a ciò che Gesù ha sofferto per noi.

Pausa

Padre nostro, 10 Ave Maria, Gloria al Padre

Gesù mio, perdona le nostre colpe, preservaci dal fuoco dell'inferno, porta in cielo tutte le anime, specialmente le più bisognose della tua misericordia.

 

Nel terzo mistero del dolore si contempla la coronazione di spine

"Lo vestirono di porpora, dopo avere intrecciato una corona di spine, gliela posero sul capo". (Mc 15,17)

Pensiamo alla derisione, l'oltraggio, la sofferenza, la nudità di cui fu vittima Gesù. Mortificazione significa far morire i sensi, perché se non controllati sono fonte di gravi peccati.

Pausa

Padre nostro, 10 Ave Maria, Gloria al Padre

Gesù mio, perdona le nostre colpe, preservaci dal fuoco dell'inferno, porta in cielo tutte le anime, specialmente le più bisognose della tua misericordia.

 

Nel quarto mistero del dolore si contempla Gesù che sale al calvario caricato della croce

"Gesù…portando la croce si avviò verso il luogo del cranio, detto in ebraico Gòlgotà". (Gv 19,17)

Offriamo la sofferenza delle nostre croci al Signore e chiediamo a Maria la forza e la pazienza per accettarle e sopportarle.

Pausa

Padre nostro, 10 Ave Maria, Gloria al Padre

Gesù mio, perdona le nostre colpe, preservaci dal fuoco dell'inferno, porta in cielo tutte le anime, specialmente le più bisognose della tua misericordia.

 

Nel quinto mistero del dolore si contempla la crocefissione e morte di Gesù

"Gesù, disse alla Madre: "Donna, ecco il tuo figlio". Poi disse al discepolo: "Ecco tua Madre". ( Gv 19,26-27)

Gesù vuole che accogliamo Maria come la vera Madre nostra, che genera in noi la grazia. Maria ci affidiamo a Te, prendici e mettici nel rifugio del tuo Cuore Immacolato, plasmaci con la tua umiltà per guarire dalla nostra superbia, quella superbia che spesso ci fa pensare di poter fare a meno di Dio, colui che è morto per noi.

Pausa  

Padre nostro, 10 Ave Maria, Gloria al Padre

Gesù mio, perdona le nostre colpe, preservaci dal fuoco dell'inferno, porta in cielo tutte le anime, specialmente le più bisognose della tua misericordia.