PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

Storia del Pontificato

 

 

Storia del Pontificato

Papa Lucio II

 

Fonte: Wikipedia

Lucio II, nato Gherardo (o Gerardo) Caccianemici dall'Orso (morto a Roma il 15 febbraio 1145), fu Papa dal 1144 alla sua morte.

Nato col nome di Gherardo Caccianemici dall'Orso a Bologna, divenne canonico della sua città natale, quindi cardinale e sacerdote di Santa Croce a Gerusalemme, in seguito fu tesoriere della Chiesa Romana e legato pontificio in Germania per conto di Papa Onorio II e Papa Innocenzo II. Va ascritto principalmente agli sforzi di Lucio il fatto che Lotario III compì due spedizioni in Italia allo scopo di proteggere Innocenzo II contro l'antipapa Anacleto II. Innocenzo II lo nominò cancelliere e bibliotecario pontificio.

Il suo tempestoso pontificato venne segnato dall'instaurazione di una rivoluzionaria repubblica a Roma, che cercò di privare il Papa del suo potere temporale, e dal riconoscimento della sovranità papale sul Portogallo.

Nel 1144 Lucio incontrò Ruggero II di Sicilia a Ceprano, per mettere in chiaro i doveri di Ruggero in quanto vassallo della Santa Sede. Lucio non era desideroso di accettare le richieste di Ruggero e le rigettò, ma Ruggero costrinse Lucio ad accettare tali condizioni con la forza delle armi.

Il senato romano, che in pratica prese tutto il potere temporale al Papa durante il pontificato di Innocenzo II e venne dissolto da Lucio, venne ricostituito, incoraggiato dalla sconfitta di Lucio. Lucio chiamò in aiuto contro il senato l'imperatore Corrado III, ma senza successo. Riuscì comunque a marciare contro il senato con un piccolo esercito. Anche questo scontro venne perso da Lucio. Secondo Goffredo di Viterbo, Lucio venne gravemente ferito durante la battaglia e morì pochi giorni dopo a causa delle ferite.