PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

Storia del Pontificato

 

Storia del Pontificato

Papa Lucio I

Fonte: Wikipedia

Lucio I fu Papa per otto mesi (253-254). Nato a Roma in data sconosciuta, nulla si sa della sua famiglia ad eccezione del nome di suo padre, Porfiriano. Egli venne eletto probabilmente il 25 giugno 253, e morì il 5 marzo 254. La sua elezione avvenne durante le persecuzioni che causarono l'espulsione da Roma del suo predecessore, Papa Cornelio, e anche lui venne bandito poco dopo la consacrazione, ma riuscì ad ottenere il permesso di ritornare. A lui si fa riferimento in diverse lettere di Cipriano (vedi Epist. Ixviii. 5) circa il suo accordo con il predecessore Papa Cornelio, sul preferire una visione più mite nel permettere il reintegro dei non praticanti pentiti.

La tradizione vuole che venne martirizzato nelle persecuzioni di Valeriano, ma poiché si sa che iniziarono più tardi del marzo 254, questo sembra improbabile. La sua pietra tombale è ancora esistente nel cimitero di San Callisto. Le sue reliquie vennero in seguito portate nella chiesa di Santa Cecilia in Trastevere, assieme a quelle di Santa Cecilia e di altri. La sua testa è conservata in un reliquiario nella Cattedrale cattolica di Sant'Ansgar a Copenaghen, in Danimarca. La reliquia venne portata a Roskilde attorno all'anno 1100, dopo che Lucio era stato dichiarato patrono della regione danese della Zelanda. È tra le poche reliquie ad essere sopravissute alla Riforma in Danimarca. Lucio I viene commemorato il 4 marzo

 

Fonte: Santi e beati

Assurse al soglio pontificale il 25 giugno del 253, pochi giorni dopo la morte del suo predecessore Cornelio. Non è dato sapere come ma nonostante il suo brevissimo pontificato riuscì ad emanare il decreto per il quale: "... ogni presbitero doveva essere accompagnato da due preti e tre diaconi... a testimonianza del comportamento di tutti".

Il suo papato, dopo la morte dell'imperatore Treboniano Gallo e l'evento di Valeriano, fu da considerarsi abbastanza tranquillo sul fronte delle persecuzioni. Dopo un breve esilio a Lucio fu concesso di ritornare a Roma. Morì di morte naturale e fu sepolto nella cripta di san Callisto o forse di santa Cecilia. Dapprima dichiarato santo per il suo martirio, Lucio fu successivamente cancellato dal Calendario Universale della Chiesa.