PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

Storia del Pontificato

 

Storia del Pontificato

Papa Innocenzo XII

 

Fonte: Wikipedia

Innocenzo XII, nato Antonio Pignatelli (Spinazzola, 13 marzo 1615 - Roma, 27 settembre 1700), fu Papa dal 1691 alla sua morte.Successore di Alessandro VIII, nacque a Spinazzola di Bari da Francesco, marchese di Spinazzola e da Porzia Carafa principessa di Minervino, figlia di Fabrizio Carafa Duca di Andria. Venne educato nel collegio dei Gesuiti di Roma.

A vent'anni divenne un funzionario della corte di Papa Urbano VIII. Sotto i Papi successivi servì come Vicelegato di Urbino e poi come Governatore di Perugia. Divenne quindi Inquisitore nell'isola di Malta nel 1646. Due anni dopo è Governatore di Viterbo; nel 1652 Nunzio Apostolico a Firenze; nel 1660 in Polonia e quindi nel 1668 nella prestigiosa città di Vienna. 

Poi nel 1671 ebbe l'incarico di guidare la diocesi di Lecce ma per soli due anni in quanto fu incaricato del segretariato della Congregazione dei vescovi e dei regolari. Il 1 settembre 1681 fu nominato Cardinale; l'anno dopo Arcivescovo di Faenza e Legato di Bologna; nel 1687 Arcivescovo di Napoli. Alla morte di Alessandro VIII avvenuta il 1 febbraio 1691, il conclave si protrasse per 5 mesi, ed egli fu eletto il 12 luglio come candidato di compromesso tra i cardinali francesi e quelli del Sacro Romano Impero. 

Immediatamente dopo la sua elezione prese posizione contro il nepotismo che troppo e troppo a lungo era stato uno dei grandi scandali della Chiesa; la bolla Romanum decet Pontificem, emanata nel 1692, proibiva ai Papi in qualsiasi momento, di concedere proprietà, incarichi o rendite a qualsiasi parente; inoltre, solo un parente poteva essere innalzato al cardinalato. In tutto il suo pontificato rimase fedele a questo; nessun suo familiare ebbe incarichi in Vaticano e negò perfino la porpora del cardinalato all'Arcivescovo di Taranto perché era suo nipote. 

Nello stesso tempo cercò di contrastare le pratiche simoniache della camera apostolica, e a questo scopo introdusse alla sua corte uno stile di vita più semplice e più economico. Egli stesso disse "i poveri sono i miei nipoti", paragonando la sua beneficenza pubblica al nepotismo di molti dei suoi predecessori. Nel 1694 istituì la Congregazione per la disciplina e la riforma degli Ordini Regolari con l'intento di riformare verso una maggiore spiritualità la Chiesa. Innocenzo fece diverse riforme necessarie e molto utili negli Stati della Chiesa, e per la migliore amministrazione della giustizia fece erigere il Forum Innocentianum. 

Nel 1693 spinse i vescovi francesi a ritirare le quattro proposizioni legate alle "Libertà Gallicane", che erano state formulate dall'assemblea del 1682. Nel 1699, si schierò dalla parte di Jacques-Benigne Bossuet, nella controversia tra tale prelato e Fénelon circa l'Explication des Maximes des Saints sur la Vie Intérieure scritta da quest'ultimo. Il suo pontificato contrastò con quello di una serie di suoi predecessori, per la sua inclinazione verso la Francia invece che la Germania. Questo papa benevolo, pieno di abnegazione e pio, morì il 27 settembre 1700. Gli successe Clemente XI.