PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

Storia del Pontificato

 

Storia del Pontificato

Papa Innocenzo VI

 

Fonte: Wikipedia

Innocenzo VI, nato Étienne Aubert (Beyssac, 1282 - Avignone, 12 settembre 1362), fu Papa ad Avignone dal 1352 alla sua morte.

Successore di Papa Clemente VI, era nativo della diocesi di Limoges, e, dopo aver insegnato diritto civile a Tolosa, divenne vescovo di Noyon prima e di Clermont-Ferrand poi.

Nel 1342 venne elevato alla dignità di cardinale. Alla morte di Clemente VI, dopo che ognuno dei cardinali si era vincolato da un accordo solenne a seguire una particolare linea politica se fosse stato eletto, Aubert venne scelto (18 dicembre 1352). Uno dei primi atti del suo pontificato fu quello di dichiarare illegale e nullo il patto.

La sua politica susseguente fu migliore rispetto a quelle degli altri Papi di Avignone. Innocenzo portò a molte riforme di cui si sentiva la necessità nell'amministrazione degli affari della Chiesa, e tramite il suo legato, cardinale Egidio Albornoz, che era accompagnato da Cola di Rienzo, cercò di riportare l'ordine a Roma, dove nel 1355, Carlo IV venne incoronato imperatore col suo permesso, dopo aver in precedenza giurato che avrebbe lasciato la città il giorno stesso, a cerimonia conclusa.

Fu in gran parte grazie alle esortazioni di Innocenzo che si giunse al trattato di Brétigny (1360) tra Francia e Inghilterra. Durante il suo pontificato inoltre, Giovanni Paleologo offrì di sottomettere la Chiesa greca alla sede romana, a condizione che gli venisse fornita assistenza contro Giovanni Cantacuzeno. Le risorse a disposizione del Papa, comunque, erano tutte richieste per esigenze più vicine a casa, e l'offerta venne declinata.

Innocenzo fu patrono delle lettere e, se non si tiene conto dell'estrema severità delle misure prese contro i Fraticelli, si guadagnò un alta reputazione per giustizia e pietà. Morì il 12 settembre 1362, e il suo successore fu Papa Urbano V.