PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

Storia del Pontificato

 

Storia del Pontificato

Papa Gregorio   XV

 

Fonte: Wikipedia

Gregorio XV, nato Alessandro Ludovisi (Bologna, 9 gennaio 1554 - Roma, 8 luglio 1623), fu Papa dal 1621 alla sua morte. 

Fu al fianco dell'imperatore tedesco contro i Protestanti, e del Re di Polonia contro i Turchi, ma in generale interferì poco nella politica europea.

Molto erudito, manifestò uno spirito riformatore; il suo pontificato fu segnato dalla canonizzazione di Santa Teresa d'Avila, Francesco Saverio, Ignazio di Loyola e Filippo Neri. Con la bolla Inscrutabili divinae providentiae (1622), fondò la Congregazione della Propagazione della Fede, incaricata della diffusione della fede.

Eresse Parigi ad Arcidiocesi e promosse Cardinale Richelieu.

Nel corso del suo pontificato, Papa Ludovisi cercò di porre un argine alle ingerenze degli Stati cattolici nell'elezione pontificia. La Spagna, la Francia e l'Austria, infatti, ad ogni elezione papale esercitavano la loro decisiva influenza tramite i rispettivi porporati presenti in Conclave, infrangendo il principio di fede secondo il quale l'elezione del nuovo pontefice avviene per opera e virtù dello Spirito Santo. 

A tal fine emanò nel 1621 la Bolla Aeterni Patris, seguita, l'anno successivo, dalla Bolla Decet Romanorum Pontificem, mediante le quali veniva riaffermata la necessità della clausura per il Conclave, nonché l'obbligo della elezione mediante una maggioranza dei due terzi del Sacro Collegio, oltre a tutta una serie di atti formali a garanzia degli obblighi testé citati.

Morì due anni e cinque mesi dopo la sua elezione, in una torrida giornata estiva, l'8 luglio del 1623, nel palazzo del Quirinale. Fu sepolto nella Chiesa di Sant'Ignazio. Aveva 69 anni.