PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

Storia del Pontificato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Storia del Pontificato

Papa Gregorio II

Fonte: Wikipedia

San Gregorio II, fu Papa dal 715 o 716 all'11 febbraio 731. Successe a Papa Costantino e la sua elezione viene datata in diversi modi, o il 19 maggio 715 o il 21 marzo 716. Avendo, così si disse, comprato il favore dei Longobardi con trenta libbre d'oro, utilizzò la tranquillità così ottenuta per compiere un vigoroso sforzo missionario in Germania, e per rafforzare l'autorità papale nelle chiese d'Inghilterra e Irlanda. 

Scomunicando l'Imperatore Bizantino Leone III Isauriano, aprì la strada a una lunga serie di rivolte e guerre civili, che servirono alla fondazione del potere temporale dei Papi. Gregorio morì nel 731, e successivamente ottenne l'onore della canonizzazione. Il 13 febbraio è il giorno consacrato alla sua memoria nel Martiriologio.

 

Fonte: Santi e Beati

Nativo di Roma apparteneva al rango dei "suddiaconi". iil suddiaconato fu per lungo tempo considerato il primo gradino degli ordini clericali intrinsechi alla Chiesa Cattolica. Il primo rango maggiore al quale veniva richiesto il voto di castità e quindi del celibato. I paramenti di distinzione nella liturgia furono istiutiti attorno al III° secolo ma ufficializzati solo nel XII° e consistevano in una "camiciola" una "tunicella" ed un cordone di tessuto bianco cinto in vita. I suddiconi non potevano portare la "stola" riservata ai ranghi superiori, ovvero dal "diacono" in su. Il rango di suddiacono fu abolito solamente nel 1972, mentre persiste nell'ortodossia greco-ortodossa. Quindi, ancora una volta fu eletto pontefice: un povero e comune cristiano. 

Correva il giorno 19 maggio del 715, quando imperatore d'oriente era Anastasio II, mentre la penisola italica era quasi tutta sottomessa al re longobardo Liutprando. Inizialmente il pontificato di Gregorio II sembrò vacillare sotto una serie di contrapposizioni politiche e di dominio. Le contrapposizioni rientrarono comunque grazie alla "diplomazia" che, sulla scorta delle esperienze maturate nei secoli stava facendo diventare il papato un regno temporale. Nel frattempo a Benevento si insediò il duca longobardo Romoaldo II, il quale aveva preso possesso anche di Cuma ( importante ed antica città campana di origine etrusco-romana situata sulla via Domiziana, la cui datazione viene fatta risalire al 730 a.c. - nda: probabilmente l'odierrna Pozzuoli -),

Ancora, nel 717, quando i longobardi stavano sottomettendo le popolazioni in nome e per conto del cristianesimo, imperversando da settentrione verso il meridione della penisola italica, il pontefice disconobbe tale mandato e con un repentino cambio di intenti si rivolse al " napoletano dux Giovanni" (prima console dell'imperatore d' oriente Anastasio II e dopo la sua defenestrazione console del suo successore Teodoro), nell'intento di arginare l'avanzata longobarda, probabilmente memore, attraverso la storia, delle loro scorribande accadute tra il 581 ed il 589.

Oltre ai citati fatti questo pontefice fu meritorio per la tutela del cosiddetto "ceto medio" , nel quale si annoverava la maggior parte della cittadinanza laboriosa, ovvero i mercanti che investivano i propri patrimoni in spedizioni navali e terrestri pur di soddisfare la domanda economica interna. Così come riuscì in qualche modo a tutelare gli interessi delle comunità attraverso la tutela dell'artigianato e la protezione delle arti.

Oltre a questo si distinse sicuramente nell'opera di evangelizzazione dei popoli nordici a partire da quelli germanici con la conversione di Teodo e l'incisività patriarcale presso i "frisoni", tanto è vero che il teologo e filosofo Winfrith fu insignito delle più alte cariche ecclesiastiche al fine di ricondurre le popolazioni germaniche sotto le insegne di Roma anzichè ricondurle alla soggezione dell'impero d'oriente.

L'attività evangelica però, non fu sempre limpida e spesso si tradusse in aspetti qualche volta devastanti per le popolazioni coinvolte nelle azioni da diverse interpretazioni, sopratutto quando salì al trono imperiale Leone III. L'intransigenza bizantina, spesso in conflitto con Roma si era definitivamente eretta a sentinella della "porta d'oriente" presso il patriarcato di Ravenna, l'unica insormontabile difficoltà negli interessi ideologici rimase quella del "culto alle immagini", permessa da Roma e negata in oriente. (nda: in nome di quell'immagine raffigurante l' Acheropita).

L'epistolario tra il papa e l'imperatore si presenta ancor oggi molto ricco, nonostante il trascorrere dei secoli, difficile fu come è stabilire le ragioni rappresentate da ambo le parti, proprio per le diverse prerogative sia temporali che teologiche. Certo è che ancora una volta le contrapposizioni temporal-teologiche riuscirono ad innescare un'ulteriore guerra ideologica.

Ancora una volta però davanti alla minaccia degli "unni" comandati da re Liutprando, il papa si rimise in cammino per fermare le orde barbariche e come il suo antesignano Leone Magno riuscì nel suo intento, riuscendo a ricondurre a più miti considerazioni sia il re che tutto il resto del popolo attraverso una messa celebrata in campo aperto. Le truppe bizantine già scese in campo si ritirarono, così come fecero gli Unni, lasciando libere le popolazioni sotto l'influenza papale.

La realtà storica vuole invece che al di là delle prese di posizione iconografiche o iconoclastiche, ci fossero solamente dei giochi di potere per i quali chi ci rimise letteralmente la testa, perchè decapitato fu il duca "Tiberio Petasio", il quale autoproclamatosi imperatore "tuscio" (nda: quindi dell' odierna Italia) si dovette scontrare sia con il potere imperiale di Ravenna, governato dall'imperatore d' oriente, sia con quello itinerante dei longobardi, degli Unni e dei Visigoti i quali ogni tanto riuscivano ad eleggere un'unico presunto re, rivendicando ora il presidio di Ravenna, ora quello di Rimini oppure quello di Eraclea. Dimenticando spesso che Roma ed il suo pontefice si stava mano a mano organizzando anche con un proprio esercito ma, contando soprattutto sulle forze alleate di esercitici intrinsechi alle piccole o grandi signorie feudali, ormai completamente o parzialmente sganciate da una o l'altra potenza militare. Gregorio II morì il giorno 11 febbraio del 731 e fu sepolto in San Pietro.