PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

Storia del Pontificato

 

 

Storia del Pontificato

Papa Giovanni XIV

 

Fonte: Wikipedia

Giovanni XIV, nato Pietro Canepanova (morto a Roma il 20 agosto 984), fu Papa dal 983 alla sua morte.

Successore di Benedetto VII, nacque a Pavia, e prima della sua elevazione al soglio pontificio fu cancelliere imperiale di Ottone II.

Il suo nome originale era Pietro, ma lo cambiò per evitare di essere collegato a San Pietro stesso.

Ottone morì poco dopo l'elezione di Giovanni, e il suo erede, Ottone III, aveva solo 3 anni. L'Antipapa Bonifacio VII, facendosi forte dei sentimenti popolari contro il nuovo Papa, ritornò da Costantinopoli e imprigionò Giovanni a Castel Sant'Angelo, dove morì, per fame o per avvelenamento.

 

 

Fonte: Cronologia

Giovanni XIV, ovvero Pietro Canepova di Pavia. Cardinale di Sabinia che esercitò la sua influenza sulle terre di Fornovo, Curi e Mentana (ovvero dall'Emilia-Romagna alla Padania così come ancor oggi è concepita... al di là , verso est , ci si poteva imbattere solo in paludi , dopo Mantova).
Giovanni XIV fu eletto pontefice attorno il novembre 983 per volere dell imperatore Ottone II ma, dopo la morte di quest'ultimo avvenuta il 7 dicembre dello stesso anno, tutto fu nuovamente rimesso in discussione.

Il popolo romano capitanato dalla stessa nobiltà acclamò quale pontefice l'antipapa BONIFACIO VII . La successione germanica non favorì certo il pontefice neo eletto che rimasto in balia di sè stesso fu presto preda della fazione bizantina. Il pontefice fu dapprima incarcerato in Caste Sant'angelo ad opera soprattutto della nobile famiglia romana "dei Crescenzi" e successivamente avvelenato. Non si hanno notizie della sua sepoltura.

Nel mentre si sa che il suo antagonista, dopo persecuzioni ed azioni alquanto violente fu a sua volta eliminato, nell' agosto 985, dalla stessa famiglia "de Crescenzi". Il cadavere dell'antipapa fu martoriato e trascinato per le strade di Roma per essere gettato infine ai piedi della statua equestre di Marc'Aurelio. Bonifacio VIII fu comunque sepolto in San Pietro.