PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

Storia del Pontificato

 

 

Storia del Pontificato

Papa Giovanni VI

Fonte: Wikipedia

Giovanni VI fu Papa dal 701 al 705. Nativo della Grecia, ascese al trono papale due mesi dopo la morte di Sergio I. Giovanni assistette l'esarca Teofilatto, che era stato inviato in Italia dall'Imperatore Gistiniano II, e gli impedì di usare la violenza contro i romani; in parte con la persuasione e in parte col ricatto. Giovanni riuscì ad indurre Gisulfo, Duca di Benevento, a ritirarsi dai territori dell'impero.

Fonte: Cronologia

Dopo l' esilio dell'imperatore Giustiniano II, l'insediamento di Leonzio, la defenestrazione di quest'ultimo e l'incoranazione Tiberio Apsimaro fu eletto anche il sostituto di San Sergio: il 30 ottobre del 701 fu consacrato papa il vescovo Giovanni VI di orgini greche. Ancora una volta l'impero d'oriente tentò di ostacolare l'indipendenza romano-cristiana. L'imperatore stizzito dall' autonomia pontificale ordinò all'esercito bizantino, di stanza in Trinacria (Sicilia), di dirigere su Roma.

L' assedio di Roma fu condotto dal "protosavasta" (condottiero) Teofilatto, il quale travolto dalle sommosse popolari finì per doversi inchinare alle volontà pontificali fino a chiedere la protezione e la benevolenza di Giovanni VI stesso. In effetti, non furono solo le sommosse popolari a vincere l'esercito di Bisanzio, quanto piuttosto l'esercito longobardo che dopo aver invaso l'attuale Campania, sotto la guida di Gisulfo da Benevento aveva in pratica tagliato i collegamenti a sud e a nord della capitale.

Un errore fu commesso da Giovanni VI, sul piano politico: la volontà di sostituirsi o sovrapporsi all'esarca o pentarca di allora. Infatti, oltre ad aver concesso la protezione a Teofilatto sborsò molti denari o alienò molti territori per la "pax" del longobardo Gisulfo, tra l' altro ormai cattolico convinto e strenuo sostenitore antibizantino. Il pontefice lasciò così inevitabilmente il campo e le controversie ancora aperte tra oriente ed occidente.

Giovanni VI si spense l' 11 gennaio del 705 e fu sepolto nel sagrato di San Pietro.