PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

Storia del Pontificato

 

 

 

Storia del Pontificato

Papa Eugenio II

Fonte: Wikipedia

Eugenio II fu Papa dall'824 all'827. Nativo di Roma venne scelto per succedere a Papa Pasquale I. Un altro candidato, Zinzinno, venne proposto dalla fazione plebea, e la presenza di Lotario, figlio dell'Imperatore Franco Luigi il Pio, si rese necessaria per mantenere l'autorità del nuovo Papa. Lotario si avvantaggiò di questa opportunità per correggere i molti abusi nell'amministrazione papale, per dare autorità tra i nobili all'elezione papale, e per confermare lo statuto secondo il quale nessun Papa poteva essere consacrato fino a quando la sua elezione non veniva approvata dall'Imperatore dei Franchi.

Un concilio che si riunì a Roma durante il pontificato di Eugenio fece passare diversi decreti che restauravano la disciplina della Chiesa, prendevano misure per la fondazione di scuole e capitoli, e si dichiaravano a sfavore della possibilità per i sacerdoti di indossare abiti secolari o dedicarsi ad attività secolari. Eugenio inoltre adottò diverse misure per la cura dei poveri, delle vedove e degli orfani, e in base a ciò ricevette il soprannome di "padre del popolo". Eugenio morì nell'827.

 

Fonte: Cronologia

Le diarchie e le trame di palazzo avevano ormai pervaso anche la Chiesa oltre a tutte le altre realtà economico-politiche. Dopo la morte di Pasquale I si aprì di fatto una crisi senza precedenti tra i sostenitori di Sisinnio o Zizimo fortemente acclamato dal clero e dal popolo cristiano e quelli che vollero sostenere la candidatura del "cardinale" rettore di Santa Sabina in Aventino, sin dall' anno 816, ovvero Eugenio Savelli.
La candidatura di sua "Eminenza" Eugenio fu dichiaratamente sostenuta dalla nobiltà filo imperiale capitanata da Wala consigliere diretto di Lotario.

Con il nome di Eugenio II il pontefice fu eletto nel maggio del 824 o forse, addirittura, il 5 giugno 825. Lotario arrivò a Roma da Aquisgrana nell'autunno del 824 accompagnato da un vero e proprio esercito, con la missione di dirimere lo scisma in atto e di riappacificare le popolazioni.

La missione riuscì perfettamente perchè da buon diplomatico riuscì a comprendere gli abusi precedentemente fatti cosicchè, agli eredi dei perseguitati sostenitori di Leone III e di Pasquale I sostenitori furono restituiti tutti i beni precedentemente confiscati, con buona pace di tutta la cittadinanza.E, il giorno 11 novembre dello stesso anno fu promulgata la "Costitutio Lotharii", impostata su nove articoli tra i quali l'inviolabilità dei diritti di quei cittadini posti sotto tutela dell' impero o dello Stato Pontificio e soprattutto la riamissione all'elezione papale di "cittadini laici", nonchè il gradimento imperiale all'elezione stessa. Vennero così ristabiliti i confini tra le pertinenze temporali e quelle religiose ed ecclesiastiche.

Ma se con Lotario, in occidente le cose si misero per il verso giusto, in oriente si riaprì una nuovamente la piaga dell' iconoclastia ( abiura della rappresentazione di immagini sacre o semplicemente immagini), attraverso l'imperatore Michele II "il balbuziente" .
Le controversie si estero sino ad indurre Eugenio II ad un' ulteriore convocazione conciliare, avvenuta nel 826 a Roma in Laterano alla presenza di 62 vescovi. Il concilio si arenò su questioni totalmente diverse e più attinenti alla moralità dei vescovi che non al vero e proprio principio per il quale fu convocato, anche perchè sull'argomento dell'iconoclastia già dal concilio di Nicea del 787 si espresse Carlomagno e dal punto di vista imperiale nulla era cambiato.
In effetti quel concilio, al di la della moralizzazione ecclesiale, fu utilizzato dal pontefice per poter far riappropriare la Chiesa delle proprie anime sparse sul territorio, attraverso la scolarizzazione delle genti, per le quali fu sancito il diritto allo studio delle sacre scritture e delle belle arti.

La leggenda vuole che ad egli sia stata attribuita la cosidetta "prova dell'acqua fredda", la quale consisteva nel gettare in una fonte d'acqua gelida, preventivamente "benedetta", gli indagati o indagate.La prova di innocenza a tale supplizio veniva considerata superata quando gli inquisiti andavano a fondo, mentre rappresentava prova di colpevolezza qualora questi riuscissero a mantenersi a galla... con il semplice ed ineluttabile conseguenza che in ambo i casi si perdeva la vita!
Eugenio II si spense nell'agosto del 827 e presumibilmente fu sepolto nel sagrato di San Pietro.

A Venezia dal 827 al 829 governò il doge Giustiniano Partecipazio, mentre l'Islam iniziò a mettere piede in Italia con lo sbarco a Mazara, la battaglia di Corleone e l'assedio pluriennale di Siracusa, fino a giungere al''occupazione di Agrigento del 828.