PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

Storia del Pontificato

 

Storia del Pontificato

Papa Dionisio

Fonte: Wikipedia

Dionisio fu Papa dal 259 al 268. Potrebbe essere nato in Grecia, ma la notizia non è stata verificata. A Dionisio, che venne eletto Papa nel 259 dopo le persecuzioni dell'Imperatore Valeriano I, toccò il compito di riorganizzare la chiesa romana, che era caduta in grave disordine. Alle proteste di alcuni fedeli di Alessandria d'Egitto, egli chiese al vescovo di tale città, anch'egli chiamato Dionisio, spiegazioni riguardanti la sua dottrina. 

Papa Dionisio inviò grosse quantità di denaro alle chiese della Cappadocia, che erano state devastate dai saccheggiatori Goti, per ricostruirle e per pagare il riscatto di coloro i quali erano tenuti in ostaggio. Portò ordine nella chiesa e procurò la pace dopo che l'Imperatore Gallieno emanò l'"editto di tolleranza". Dionisio è il primo Papa a non essere indicato come martire. Morì il 26 dicembre 268. Nell'arte Papa San Dionisio viene ritratto in abiti papali con un libro.

 

Fonte: Santi e beati

Nato a Turio in Magna Grecia. Fu eletto papa il 22 luglio 259. Affronto la controversia con il vescovo Dionigi di Alessandria in merito alla dottrina trinitaria. Morì il 26 dicembre 268. E' sepolto nelle catacombe di San Callisto in Roma. (Noto anche come Dionisio)

Dionisio, papa, santo, di patria ignota, (22 luglio 259 - 26 dicembre 268), fu inumato nella Cripta dei Papi; la sua epigrafe non è stata ancora ritrovata. Nel 1267 i resti scambiati per quelli di S. Dionigi di Parigi furono posti all’altare dei Ss. Paolo e Nicola della chiesa di S. Sebastiano. Clemente VIII, secondo una lapide del 1596, avrebbe ritrovato le sue spoglie a S. Silvestro in Capite, riponendole sotto l’altare maggiore con quelle dei pontefici Silvestro e Stefano. La lapide ricorda la meticolosa ricognizione, effettuata sotto l’altare della confessione, in cui vennero ritrovate moltissime reliquie in una cassa in terracotta ed altre, protette da due tavole di marmo, sotto di essa.

M.R.: 26 dicembre - Nello stesso luogo, sulla via Appia, la deposizione di san Dionisio Papa, il quale, avendo sofferto molti disagi per la Chiesa, fu illustre per i documenti della fede.