PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

Storia del Pontificato

 

 

Storia del Pontificato

Papa Bonifacio IV

Fonte: Wikipedia

 

Bonifacio IV fu Papa dal 608 al 615. Il Liber Pontificalis menziona che il suo pontificato venne segnato da carestie, peste e inondazioni. Bonifacio ricevette dall'Imperatore Foca il Pantheon di Roma, che venne convertito in una chiesa cristiana e ribattezzato Chiesa di Santa Maria e di tutti i santi. Bonifacio fu in precedenza un monaco, e, come Papa, promosse il monasticismo. Mellito, primo vescovo di Londra, presenziò ad un sinodo tenuto da Bonifacio nel 610. Bonifacio IV viene celebrato il 25 maggio.

 

Fonte: Cronologia

La consacrazione di Bonifacio avvenne i 25 agosto del 608, dopo una vacazio al soglio pontificio di nove mesi, sempre a causa dell'attesa del beneplacido dell'allora imperatore di Bisanzio Foca. Il pontefice ebbe umili origini marsicane (nda: Marsica - regione abruzzese attualmente incentrata su Fucino e sulle sue valli apenniniche) e prima di essere eletto, ricopriva il titolo di prete, diverso dal diaconato, in quanto aveva fatto voto di castità.

Fu un pontificato continuamente perseguito da pestilenze e carestie, ciò nonostante fu grande lo spirito di perseveranza nel continuare la sopravvivenza di una Roma ormai ridotta ai minimi termini dal punto di vista economico e di conseguenza dal punto di vista morale. Attraverso l' interessamento del pontefice fu restituito alla storia un bellissimo monumento: il pantheon di Agrippa.

Durante l'innodazione del Tevere del 590 il tempio fu praticamente travolto dalle acque che non riuscirono però ad abbattere il vestibolo eretto su sedici colonne con patitelli corinzi. Così come riuscì a salvarsi il tetto eretto su travi e tegole di bronzo dorato ma l'edificio fu praticamente abbandonato per quasi un ventennio.

Bonifacio IV ottenne da Foca la concessione del tempio il quale, il 13 maggio del 609, una volta restaurato fu consacrato ed intitolato a Santa Maria ad Martyres ( nda: chiesa ancor oggi riconosciuta più semplicemente come pantheon).

San Bonifacio IV morì l' 8 maggio del 615 e fu sepolto nel sagrato di San Pietro. Il giorno 8 maggio continua a ricorrere la sua commemorazione, secondo il calendario universale.

---------------
Coevo di San Gregorio Magno, di Bonifacio III e San Bonifacio IV, risulta essere stato Mohamed , secondo la tradizione islamica, ovvero il profeta di Dio (Allah), nato a La Mecca ( Odierna Arabia Saudita) nel 570.
Maometto, da giovane fu cammelliere al servizio della ricca vedova Khadigia, che poi sposò. Dopo una crisi mistica la tradizione vuole che nel 610 egli avesse ricevuto la rivelazione del Corano (Coram Karim), il libro sacro dei musulmani.
Il Verbo secondo la prima tradizione orale e poi scritta sarebbe stato scritto sotto la diretta dettatura di Dio per la quale scaturì una nuova religione monoteistica : l'ISLAM.