PARROCCHIA SANTA GIOVANNA ANTIDA THOURET

Adorazione eucaristica perpetua

"Il Padre cerca adoratori che lo adorino in Spirito e Verità" (Gv 4,24)

Home

Come raggiungerci Contatti Mail: venite.adoriamo@gmail.com
Venite adoriamo
La Parrocchia
L'adorazione
A tu per Tu
Le nostre preghiere
Testimonianze
Tabella adoratori
Regole e norme
Diventare adoratore
Archivio eventi

Adoriamo il Signore

Miracoli eucaristici
Preghiere di adorazione
Scritti sull'adorazione
Salmi di adorazione
Meditazioni
Luoghi di spiritualità
Canti
Adorazione on line

 

Storia del Pontificato

 

 

 

 

Storia del Pontificato

Papa Milziade

Fonte: Wikipedia

Milziade, o Melchiade fu Papa dal 10 luglio 310 al 10 o 11 gennaio 314. Sembra fosse africano di nascita, ma della sua storia personale non si conosce nulla. Gli Editti di tolleranza (vedi [1]) di Galerio e di Costantino e Licinio vennero pubblicati durante il suo pontificato. Milziade, approfittando del nuovo atteggiamento nei confronti della religione cristiana, ebbe modo di far riavere i beni confiscati ai cristiani, ebbe nuovamente la disponibilità dei luoghi di culto e incoraggiò la costruzione di nuove chiese, tra cui la basilica del Laterano, costruita su terreni, nelle proprietà dei Plauzi Laterani, donati dall'imperatore Costantino.

Il suo breve pontificato venne anche segnato dal Sinodo Laterano di Roma (313), nel quale Ceciliano venne prosciolto dalle accuse che gli erano state mosse, e Donato venne condannato come eretico. Di lui Sant'Agostino disse: "Vero figlio della pace e vero padre per i cristiani". Venne sepolto nelle catacombe di San Callisto e forse per questo gli fu dato il titolo onorifico di martire. La Chiesa lo venera come santo e come tale lo festeggia il 10 dicembre. In alcune località è venerato il giorno 11 gennaio.

 

Fonte: Santi e beati

La revisione liturgica ne ha limitato la memoria ai soli calendari particolari, perché certamente non fu Martire. Ma dato che nessun altro Santo lo ha sostituito in questo giorno, possiamo ancora ricordare quel Papa sotto il quale la Croce, fino allora segno di infamia, divenne simbolo di gloria e auspicio di vittoria, sui labari imperiali di Costantino.

Non si tratta, come si può pensare, del Papa San Silvestro, sotto H cui lungo pontificato fu coronato quello che si chiama " il trionfo del Cristianesimo ", e l'Imperatore Costantino, prossimo alla morte, ricevette il Battesimo. Lo straordinario passaggio dall'età delle persecuzioni a quella della protezione, dall'atmosfera di sospetto a quella di rispetto verso i Cristiani, avvenne sotto il Papa oggi festeggiato, San Milziade, o Melchiade.

Della sua vita non si sa quasi nulla, prima del pontificato. Era di origine africana, e dovette trovarsi a Roma sul finire della sanguinosa persecuzione di Diocleziano. Fu poi testimone dell'ambigua condotta nei confronti dei cristiani, dell'Imperatore Massenzio, il quale, per sedare le discordie della Chiesa romana, esiliò tanto il Papa Eusebio, quanto un antipapa, Eraclio, esponente di un gruppo di apostati mal pentiti.

Eusebio morìi poco dopo, nel 310. Il nuovo Papa, che fu Milziade, venne eletto però solo un anno più tardi. In quell'anno era accaduto infatti un avvenimento importante. Galerio aveva emesso un Editto di tolleranza religiosa, che venne poi sottoscritto dagli " Augusti " Licinio e Costantino. Massenzio non aveva firmato quell'Editto, ma seguì lo stesso, nei confronti dei cristiani, la politica di benevolenza dei suoi avversari. Non volle pregiudicarsi il favore dei sudditi, nell'imminenza della contesa politica.
Il neo-eletto Milziade, si valse di questa mutata politica per riorganizzare energicamente la Chiesa. Per prima cosa riottenne i beni dei cristiani di Roma confiscati durante le persecuzioni. Poi inviò i suoi Diaconi a riprendere possesso dei luoghi di culto, cioè degli antichi tituli.

Dopo la battaglia di Ponte Milvio, sconfitto Massenzio, Costantino entrò in Roma innalzando il segno della Croce. Il Papa, allora, sfruttò ancora meglio in favore dei fedeli, le ottime disposizioni dell'Imperatore vittorioso. Costantino infatti non si limitò a restituire i beni della Chiesa: stabilì che l'erario contribuisse ai bisogni del culto. Non si contentò di reintegrare i cristiani nelle modeste dimore dove avvenivano le riunioni sacre: volle che fossero costruite nuove e grandiose basiliche. La prima ad essere iniziata fu quella detta Lateranense, che è restata la Cattedrale di Roma; e nel Laterano, in un palazzo di proprietà del fisco imperiale, Costantino ospitò il Santo Vescovo di Roma.
Il pontificato di San Milziade o Melchiade fu breve. Col 314, le opere da lui fervidamente iniziate vennero proseguite da San Silvestro. Ma tre anni di governo della Chiesa bastarono a fargli meritare l'elogio di Sant'Agostino: " Vero figlio della pace e vero padre per i cristiani ".

Stranamente però, questo "figlio della pace", primo Papa dell'età costantiniana del "trionfo del Cristianesimo", ricevette il titolo onorifico di Martire, forse per essere stato sepolto nelle Catacombe.